Contatti

Ci potete contattare allo:

+39 035 615597

 

info@nidolattemiele.com

www.facebook.com/nidolattemiele

www.facebook.com/nidolattemiele/?fref=ts

Orari d'apertura

Dal lunedì al venerdì

7.30- 18.30

Aperti 12 mesi all'anno

Orari personalizzati

Regolamento e Carta dei Servizi

DOWNLOAD REGOLAMENTO E CARTA DEI SERVIZI

REGOLAMENTO 2 pdf.pdf
Documento Adobe Acrobat [79.0 KB]
CARTA DEI SERVIZI.doc
Documento Microsoft Word [59.0 KB]

Regolamento

DEFINIZIONE DEL SERVIZIO

 

L’asilo nido è un servizio sociale di interesse pubblico che:

  • concorre fattivamente all’educazione e alla formazione del bambino fino ai tre anni di età, nel rispetto del diritto educativo fondamentale dei genitori;

  • integra l’opera della famiglia secondo le necessità lavorative di entrambi i genitori;

  • favorisce l’equilibrato e armonico sviluppo del bambino e la sua socializzazione;

  • garantisce una efficace assistenza psico – pedagogica e di medicina preventiva.

 

Ammissione

 

Sono ammessi al nido Latte e Miele i bambini dai 3 mesi a 36 mesi. Non esistono criteri di ammissione se non l’ordine di iscrizione fino ad esaurimento posti.

Salvo esaurimento posti i bambini potranno essere inseriti per tutto l’anno.

La domanda, redatta su apposito modulo che verrà fornito gratuitamente, dovrà essere sottoscritta da almeno un genitore o da chi ne fa le veci.

La quota d’iscrizione dovrà essere versata al momento della sottoscrizione del presente “Regolamento”.

Il pagamento della retta è obbligatorio dal 1° settembre al 31 luglio di ogni anno.

Per il solo mese di agosto sarà corrisposto esclusivamente l’importo relativo alla frequenza.

 

Dimissione

 

L’iscrizione si ritiene valida fino al compimento del 36esimo mese di vita.

Qualora il bambino compia il terzo anno di vita nel periodo di Gennaio- Luglio, verrà dimesso alla chiusura estiva dell’asilo (31 luglio).

L’iscrizione si rinnova automaticamente fino al compimento dei 3 anni.

Può essere presentata disdetta anticipata di 3 mesi che dovrà pervenire al nido “Latte e Miele”, tramite raccomandata AR entro il giorno 7 del mese. Qualora la rinuncia dovesse pervenire dopo il termine indicato, sarà richiesto il pagamento della retta da frequentante per il mese in corso e la disdetta avrà efficacia dal mese successivo.

 

Qualora la disdetta non pervenisse con il preavviso richiesto di 3 mesi, faranno carico alla famiglia le 3 corrispondenti rette mensili. Non saranno accettate disdette oltre il 15 marzo dell’anno corrente.

Anche la rinuncia ad iscrizione avvenuta comporterà il pagamento di nr. 3 rette mensili.

L’eventuale riduzione di orario rispetto a quello richiesto e sottoscritto, se non comunicata con le stesse modalità indicate per la disdetta, comporterà il pagamento dell’importo previsto per l’orario sottoscritto e ciò per nr. 3 mensilità.

 

 

Apertura dell’asilo nido

 

La recettività del nido è di 26 bambini, di cui parte destinati al part-time mattutino (7.30/ 13.00) e al part-time pomeridiano (13.00/ 18.30). I rimanenti posti sono destinati ai bambini che frequenteranno l’orario intero (7.30 / 16.00).

Per tutti sarà possibile frequentare il nido fino alle ore 18.30.

L’asilo nido è aperto nei giorni non festivi dal lunedì al venerdì per 11 mesi all’anno (dal primo lunedì di settembre all'ultimo venerdì di luglio). Non sono previsti giorni di chiusura per le festività natalizie, pasquali o estive (frequenza minima richiesta di 8 bambini).

I bambini sono ammessi al nido dalle ore 7.30 alle ore 9.15.

Il rispetto degli orari di ingresso e di uscita permettono il normale e ordinato svolgersi delle attività.

Per il mese di agosto è richiesta l’iscrizione settimanale (presenza minima di 8 bambini per apertura e orari). Il nido rimarrà chiuso la settimana del ferragosto.

Per la frequenza del sabato è necessario iscriversi nell’apposito spazio in bacheca entro il giovedì. Si garantisce l’apertura del nido se vi sono almeno 3 bambini iscritti (apertura dalle 7.30 alle 12.30, pranzo escluso).

 

 

Inserimenti

I bambini vengono inseriti gradualmente, con la presenza di uno dei genitori, per consentire un positivo adattamento al nuovo ambiente. L’inserimento può avere una durata che va dai 5 ai 15 giorni secondo le esigenze del bambino.

 

Pasti

I pasti e le merende vengono confezionati dalla ditta “RISTORA BIMBO”, nel rispetto delle disposizioni Asl, per garantire una sana ed equilibrata nutrizione del bambino, in rapporto alla sua età e ai suoi bisogni, con l’obbiettivo di creare un positivo rapporto con il cibo.

Si assicurano il rispetto delle esigenze religiose delle famiglie. Eventuali intolleranze alimentari dovranno essere documentate tramite certificato medico.

Il menù giornaliero è evidenziato nella bacheca all’ingresso.

 

 

Ritiro dei bambini

 

Il ritiro dei bambini deve avvenire ad opera di chi esercita la patria potestà o di persone in possesso di delega e quindi espressamente autorizzate.

 

 

Personale

 

Il personale è classificato in:

  1. personale con funzione di coordinamento;

  2. personale addetto alla funzione educativa- assistenziale;

  3. personale addetto ai servizi.

Il personale educativo deve assolvere ai compiti richiesti per il soddisfacimento delle esigenze del bambino, in particolare:

  • attività socio- pedagogica e ricreativa;

  • alimentazione e osservazione della dieta;

  • igiene personale;

  • vigilanza.

Deve, altresì, svolgere ogni altra azione che consenta il soddisfacimento ottimale dei bisogni del bambino.

 

Compiti del coordinatore

 

Il coordinatore è tenuto a garantire la funzionalità del servizio e la realizzazione del suo programma. Sono suoi compiti:

  • compilare il registro delle presenze dei bambini

  • controllare l’osservanza degli orari del personale in rapporto alle esigenze di servizio;

  • tenere, unitamente al resto del personale educativo, il contatto con le famiglie;

  • controllare e conservare la documentazione relativa alle forniture

  • tenere in consegna il materiale in dotazione all’asilo nido e compilare periodicamente le liste delle richieste del materiale necessario;

 

Relazione con i genitori

 

Le relazioni con i genitori si traducono in incontri informali e strutturati al fine di creare rapporti costruttivi, indispensabili per la condivisione degli interventi educativi (assemblee, incontri di sezione, colloqui individuali, serate di lavoro, incontri tematici con psicologi, pedagogisti e pediatri, gite e feste).

Non meno importanti sono gli incontri legati alla quotidianità. Per questo ogni giorno verrà consegnata la scheda “La mia giornata al nido”, nella quale verranno riportate le notizie e gli eventi riguardanti il bambino.

Sarà, inoltre, a disposizione per i genitori una “biblioteca” di testi specifici riguardanti la prima infanzia.

 

 

 

 

Carta dei Servizi



Gentili Genitori,

i vostri figli stanno per affacciarsi insieme a voi al Nido che come ogni anno con cura crescente vuole offrire alle famiglie un servizio essenziale per inserire i più piccoli nel mondo, al di là della soglia di casa.

Nel nido, come spiega tale opuscolo, saranno assicurati ai vostri figli benessere, cura e serenità e a voi genitori la certezza che i bambini siano accuditi da personale esperto, qualificato, disponibile e attento.

L’asilo nido offre la possibilità di incontri con altri bambini con i quali condividere l’esperienza e sperimentare la dimensione del gioco, del conflitto, dell’esplorazione conoscitiva. Due condizioni hanno giocato a favore della tesi del Nido come istituzione capace di rispondere adeguatamente ai bisogni sia affettivi che cognitivi dei bambini da 0 a 3 anni: la stabilità delle figure di riferimento e la stabilità del gruppo dei coetanei.

Il progetto educativo punta al benessere fisico e psicologico e allo sviluppo delle potenzialità evolutive del bambino con attenzione rivolta non solo ai momenti del pasto, del cambio e del sonno, ma anche ai giochi dei bambini, ai materiali, agli spazi, ai tempi a loro disposizione.

In tal senso andare al nido oggi è per il bambino un’occasione in più, indipendentemente dal fatto che la frequenza avvenga sulla spinta della necessità familiare.

 

 

 

La coordinatrice

Francesca Russo

 

 



 L’AMBIENTAMENTO

 

È un momento particolarmente delicato nella vita di un bambino poiché deve imparare a separarsi da voi, in particolare dalla mamma, e a conoscere persone e ambienti diversi. Ma è anche molto delicato per voi genitori perché non è facile staccarsi con serenità dal proprio figlio. Affinché tutto accada in armonia con la crescita è necessario che il bambino viva il passaggio da casa al nido con gradualità per abituarsi poco a poco al nuovo ambiente, alle nuove persone ed agli spazi diversi. È fondamentale poter stabilire un rapporto di reciproca conoscenza che permetta di sviluppare un rapporto di fiducia.

Per questi motivi prima dell’inserimento i genitori vengono invitati ad un colloquio con le educatrici per uno scambio di informazioni sia sull’organizzazione del nido sia sulle abitudini familiari del vostro bambino. Durante l’inserimento è obbligatorio che un genitore rimanga al nido, insieme al proprio figlio, almeno durante la prima settimana di frequenza, affinché il distacco sia graduale e vengano evitati al bambino stati di eccessiva ansietà o paura nei confronti degli estranei. La figura familiare rappresenta, infatti, la base sicura da cui il bambino parte per l’esplorazione del nuovo ambiente, rappresenta il sostegno che comunica al bambino quella sicurezza emotiva necessaria alla voglia di conoscere e accettare nuovi rapporti.

In genere per i primi tre giorni il bambino resterà al nido un paio d’ore e non consumerà il pasto.

Dal quarto giorno pranzerà con gli altri. È possibile prevedere brevi assenze del genitore che lo inserisce. In ogni caso la frequenza del bambino sarà, per la prima settimana, limitata alla mattinata, solo dopo questo periodo o più potrà fermarsi per la nanna. È importante rispettare i tempi individuali ed essere flessibili, senza fretta.

 

Dobbiamo dare al bambino la possibilità di vivere in modo sereno il quotidiano distacco dal genitore. Crediamo che lasciare troppo frettolosamente il bambino al nido, anche se divenuto familiare, non sia il modo più corretto per aiutarlo ad accettare la separazione.

Potete ad esempio essere voi a mettergli le pantofole, togliere il cappottino, portare da casa un oggetto a cui lui sia particolarmente affezionato (ciuccio, orsetto, copertina) e che possa tenere con sé e salutarlo con calma prima di lasciarlo anche nel caso in cui pianga, rassicurandolo.

È importante che il vostro bambino riceva da voi il messaggio che il Nido è un luogo sicuro e piacevole, dove lo lasciate serenamente senza eccessivi sensi di colpa.

 

 

 

LO SPAZIO EDUCATIVO AL NIDO

 

Il nido prevede l’accoglienza dei bambini dai 3 ai 36 mesi. Esso prevede al momento dell’accoglienza la suddivisione dei bambini in due gruppi, per favorire un attento intervento educativo in grado di tener conto sia della situazione affettiva, emotiva, relazionale dei bambini che delle esigenze legate alle diverse fasi dello sviluppo:

- sezione piccoli dai 3 ai 18 mesi

- sezione grandi dai 18 ai 36 mesi

gli spazi educativi del nido, considerati nel loro insieme e nel loro specifico, sono tesi a garantire la continuità affettiva e la diversità conoscitiva per far emergere ed evolvere le potenzialità di crescita di ogni bambino.

 

Lo spazio educativo della sezione

Il bambino al suo ingresso al nido, si inserisce in un gruppo di adulti e di bambini che resteranno con lui fino al passaggio alla scuola materna.

Gli ambienti sono strutturati secondo l’età dei bambini, per offrire loro le più varie opzioni di movimento, stimolazioni percettive e attività di gioco.

Gli spazi della sezione sono suddivisi in stanze di appartenenza personalizzate e rese riconoscibili dagli arredi e dai colori adottati. Sono strutturati in angoli morbidi e macrostrutture per sperimentare movimenti diversi e percepirsi nella propria autonomia in un luogo rassicurante e contenuto.

Il personale per una sempre più qualificata azione educativa segue corsi di formazione e aggiornamenti permanenti avvalendosi di consulenze di esperti nell’area della prima infanzia.

 

 

L’ALIMENTAZIONE

 

Il nido usufruirà di un servizio di catering in conformità alle direttive ASL per garantire una sana ed equilibrata nutrizione del bambino. In rapporto alla sua età e ai suoi bisogni, con l’obbiettivo di creare un rapporto positivo con il cibo. Inoltre verranno rispettate le esigenze religiose delle famiglie ed eventuali intolleranze alimentari.

L’orario della merenda del mattino è alle ore 9:30

L’orario del pranzo è fissato a partire dalle ore 11:40.

In caso di allergie o intolleranze o patologie particolari (celiachia, diabete, ecc.), il genitore dovrà presentare all’Ufficio di Sanità Pubblica competente per territorio la richiesta di menù personalizzato, richiedendo l’apposito modulo alla coordinatrice del nido. Si ricorda che al nido non deve essere introdotto nessun genere alimentare proveniente dall’esterno. Nel caso di festeggiamenti organizzati dal nido possono essere presentati cibi (es. torte dolci o salate) confezionati all’origine senza alcuna farcitura e preferendo prodotti con ridotto contenuto di grassi.

 

 

L’ABBIGLIAMENTO

 

Ogni bambino indossa i propri indumenti ed è importante che consentano la massima libertà di movimento, devono essere tali da facilitare la progressiva autonomia (no alle salopette, alle cinture, alle bretelle e la partecipazione disinvolta a qualsiasi gioco proposto che preveda anche l’uso di materiali “che sporcano”(creta, colori con le dita, sabbia, tempere).

Si vuole inoltre ricordare di non coprire troppo bambini, onde evitare eccessive sudorazioni. È inoltre necessario lasciare in dotazione un cambio completo in caso di necessità, ciabattine per la stagione fredda e calzini antiscivolo.

 

LA FREQUENZA

 

La frequenza regolare e continuativa permette ai bambini una conoscenza più approfondita dell’ambiente e delle persone; in questo modo si favorisce un ambientamento sereno ed anche una buona organizzazione del Nido

Le assenze devono essere sempre comunicate entro le 8:30.

Il personale non è autorizzato a somministrare farmaci.

Al fine di erogare un servizio sempre più efficiente e qualificato, ho attivato un progetto di collaborazione con il noto pediatra Dott. Cesare GHISI perché presti, in forma continuativa, la sua preziosa consulenza e collaborazione presso il Nido.

I genitori possono rivolgersi al dottore per qualsiasi informazione sulla salute del loro bambino. Il pediatra viene al nido una volta alla settimana (lunedì dalle 8.30 alle 9.30) e i genitori possono, se lo desiderano, chiedere un parere o una visita del proprio bambino.

 

LA SALUTE AL NIDO - Norme igienico sanitarie per il nido-

 

Allontanamento per malattia

La coordinatrice del nido o le educatrici possono allontanare il bambino, qualora riscontrino i seguenti sintomi o segni di malessere che si presuppongano dannosi per il bambino e/o per la comunità, come previsto dalla normativa vigente:

  • congiuntivite: palpebre arrossate e appiccicose al risveglio, dolore e arrossamento della cute circostante;

  • diarrea: 3 o più scariche per 3 ore consecutive;

  • esantema; presenza di macchie cutanee diffuse e non, ad esordio improvviso e non altrimenti motivato da patologie pre-esistenti;

  • febbre uguale o superiore ai 38,5°C;

Qualunque sintomo patologico del bambino sarà segnalato il prima possibile ai genitori affinché contatti il medico di fiducia e prenda gli opportuni provvedimenti. La coordinatrice del nido provvederà ad allontanare il bambino utilizzando il modello “DISPOSIZIONE DI ALLONTAMENTO”. È comunque necessario al fine di contenere il diffondersi delle patologie e di garantire la tutela della salute di tutti, riportare il bambino al nido solo se in buone condizioni di salute.

 

Riammissione per allontanamento

 

È necessario che i genitori presentino il modello di autocertificazione per la riammissione nei casi di allentamento. Non è, invece, più richiesta il certificato medico per la riammissione. Solo per alcune patologie infettive è prevista la riammissione con il nulla osta sanitario, rilasciato dall’ASL.

 

Somministrazione di farmaci durante l’orario di affidamento al nido

 

La coordinatrice del nido e le educatrici possono somministrare farmaci solo in caso di :

  • patologia cronica nota controllata farmacologicamente;

  • emergenza.

È indispensabile per la somministrazione la richiesta formale da parte dei genitori al coordinatore del nido con allegato il certificato medico. La prescrizione dovrà indicare chiaramente la posologia, la modalità di somministrazione e il sistema di conservazione.

 

INDICAZIONI E PRECAUZIONI IN MERITO ALLA CONDUZIONE IGIENICA E DI SICUREZZA DEL NIDO

 

Al fine di prevenire il diffondersi di alcune patologie il personale del nido Latte e Miele osserva scrupolosamente alcune norme di igiene personale ed ambientale ed in particolare:

  1. lavare accuratamente le mani con sapone liquido erogato da dispenser

  • prima e dopo la manipolazione e il consumo di alimenti

  • dopo l’utilizzo dei servizi igienici

  • prima e dopo il cambio del pannolino

  • dopo la manipolazione di oggetti sporchi o potenzialmente contaminati

  1. utilizzare salviette, asciugamani, fazzoletti e guanti monouso

  2. lavare e disinfettare il bordo della tazza del wc, la rubinetteria e i fasciatoi con candeggina al momento della pulizia serale e dopo ogni fase di cambio

  3. tutti i fasciatoi sono ricoperti di carta monouso, che viene rimossa dopo ogni cambio e viene deterso e sanificato dopo ogni uso.

  4. i pannolini sporchi vengono gettati immediatamente nell’apposito contenitore provvisto di coperchio

  5. tutta la biancheria del nido viene lavata in lavatrice a 60° con apposito disinfettante

  6. dopo l’utilizzo dei servizi igienici e prima del pranzo o delle merende tutti i bimbi si recano in bagno per lavare le mani

 

Pulizia ed igiene degli ambienti e dei giochi

 

Tutti i giorni i pavimenti, locale cucina e i bagni vengono accuratamente puliti e disinfettati con prodotti in commercio.

Ogni giorno i locali del nido vengono arieggiati almeno 3 volte.

I giochi vengono lavati con prodotto disinfettante (con presidio medico) 2 volte a settimana e se risultano imbrattati di saliva vengono igienizzati alla fine della giornata.

Tettarelle, succhiotti e tutto il materiale che viene messo in bocca dai bambini viene disinfettato dopo ogni utilizzo con l’uso dello sterilizzatore a vapore.

 

Temperatura degli ambienti

 

Come previsto dal DPR 412/93, la temperatura del nido deve essere di 20°C +/- 2.

 

IL COORDINAMENTO PSICO- PEDAGOGICO

 

La genitorialità richiede una capacità costante di adattamento alla crescita fisica e psichica del bambino.

I piccoli e i grandi problemi educativi che si incontrano quotidianamente nei rapporti con i figli possono creare preoccupazioni o dubbi sia al Nido che in famiglia. Per questo i genitori che lo desiderino possono rivolgersi alla psicologa per cercare di capire insieme le cause del disagio e ipotizzare delle strategie per affrontarlo. Inoltre verranno organizzati, incontri su vari temi legati al mondo dell’infanzia.

 

L’ORARIO

 

Per un buon funzionamento del Nido è importante il rispetto degli orari di entrata e di uscita.

Accoglienza: 7:30/9:15

Uscita part time mattina e entrata part time pomeriggio: 12:45/13:15

Uscita orario intero: 16:00/16:15

Uscita prolungamento: 18:30

I bambini possono essere ritirati solo dai genitori o da coloro che sono in possesso di delega, con documento di identità e previo avviso alle educatrici.

I bambini non possono essere affidati e minorenni.

 

 

 

 

IL RAPPORTO CON LE FAMIGLIE

Il nido d’infanzia valorizza il ruolo delle famiglie come soggetti attivi, garantendo la massima informazione sulla gestione del servizio e la più ampia partecipazione. Per il bene del bambino che frequenta il nido è importante che i genitori partecipano alla realtà del servizio e che il rapporto tra il personale e le famiglie sia caratterizzato da un forte scambio di informazioni.

La relazione con i genitori si traduce in incontri informali e strutturati al fine di costruire rapporti positivi, indispensabili per la condivisione degli interventi educativi.

Il nido durante l’anno offre diverse occasioni d’incontro:

  • colloqui individuali con il coordinatore e con le educatrici (2 incontri all’anno da ½ ora l’uno);

  • assemblee generali con tutti i genitori;

  • incontri tematici su vari temi del mondo dell’infanzia;

  • feste e gite;

  • attività di laboratorio e costruzione giochi.

Inoltre, per offrire alle famiglie un servizio sempre più completo, vi è la possibilità di portare al nido anche i fratelli degli iscritti (vacanze, serate al nido, prolungamenti, sabato, ecc.).

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Nido Latte e Miele Via Giacomo Manzù 5 24035 Curno Partita IVA: